Che caratteristiche deve avere un robot da cucina?

miglior robot da cucina

La cucina è passione, piacere e ricerca, ma il tempo è tiranno. Tra lavoro e famiglia realizzare dei succulenti manicaretti o mettersi alla prova come cuochi non è semplice: mescolare, impastare, triturare, frullare, grattugiare e tagliuzzare richiede tempo e fatica. La soluzione è il robot da cucina multifunzione. Rapido, pulito e dal risultato garantito. Vediamo quali caratteristiche deve avere un apparecchio multiuso per essere veramente efficiente.

I robot da cucina sono chiamati anche ‘food processor’ perché in un solo elettrodomestico racchiudono molteplici funzioni dimezzando i tempi. Quando si decide di acquistare un apparecchio di questo tipo, le prime due considerazioni da fare riguardano le dimensioni del robot e la capienza della ciotola. Entrambe vanno scelte in base alle reali esigenze ovvero lo spazio in cucina, la praticità d’utilizzo, il nucleo familiare, l’abitudine ad avere ospiti a cena. Il secondo step è una valutazione tecnica su funzionalità, velocità, potenza del motore, tasti di sicurezza e accessori.

Il miglior robot da cucina deve essere tritatutto, centrifuga, frullatore, spremiagrumi e deve avere le fruste per preparare impasti dolci e salati. E’ necessario che abbia un aggancio unico per le diverse esigenze. La capacità del contenitore parte da 1,2 litri e arriva a 5 litri. La potenza del motore varia da un minimo di 300 Watt a un massimo di 1500 Watt (per uso professionale o domestico superiore). Chiaramente un wattaggio contenuto inciderà meno sulla bolletta dell’energia elettrica. Tuttavia è possibile scegliere un robot da cucina con la modalità Eco: dopo mezz’ora di inutilizzo l’apparecchio va in stand-by abbattendo i consumi. Oltre alla potenza, è importante considerare la velocità. Devono esserci almeno due o tre opzioni di scelta perché in cucina le operazioni sono diverse e non tutte richiedono il massimo della potenza.

Una ricca dotazione di serie è un altro aspetto da tenere in considerazione al momento dell’acquisto. Tra gli accessori devono esserci frusta a filo e frusta piatta con bordo flessibile, affettatrice, lama impastatrice, disco per grattugiare e disco julienne e coperchio antispruzzo. A questi utensili se ne possono aggiungere altri più specifici e particolari a seconda dell’azienda produttrice. Non bisogna dimenticare che il robot da cucina va pulito: la facilità con cui si effettua quest’operazione ha il suo peso al momento dell’acquisto. Un corpo in plastica satinata o in metallo pressofuso è più facile da lavare rispetto a una base in plastica dura. Boccali e ciotole in vetro o in tritan, materiale antigraffio e resistente alle abrasioni, garantiscono una maggiore igiene in confronto a quelli in plastica.

I prezzi variano in base alle funzionalità, al materiale di costruzione, al design e alla quantità di accessori in dotazione alcuni esempi dei migliori robot da cucina multifunzione su http://artkitchen.it/robot-da-cucina/miglior-robot-cucina-multifunzione/. I multifunzione con lame e ciotola in acciaio inox e frullatore in vetro hanno un costo maggiore rispetto a quelli in plastica. Numerosi programmi tra cui scegliere, un display touchscreen e la compattezza sono le caratteristiche dei robot da cucina di ultima generazione. Inoltre esistono alcuni modelli in grado di cuocere a vapore cibi, risotti e minestre.

Basta preparare le dosi, impostare il piatto e il tempo di cottura. Il gioco è fatto. È possibile anche memorizzare la ricetta e programmare il robot in modo da trovare pronta la cena quando si torna a casa. Tuttavia, chi non vuole spendere molto, troverà sul mercato elettrodomestici con le classiche manopole, ma ugualmente affidabili.